Russare di notte: cosa possiamo fare per risolvere il problema?


CHI RUSSA ROVINA IL RIPOSO DI CHI GLI DORME ACCANTO


"Un'altra nottata in bianco, occhi sgranati e tanto sonno. 

  Come farò ad affrontare la giornata?"


Ebbene sì, è questo ciò che pensa e ciò che accade a chi divide il letto con un partner con seri problemi di russamento.
Si pensa spesso che russare danneggi unicamente il soggetto coinvolto, dimenticando invece che quel rumore assordante, nel silenzio della notte impedisce il riposo anche di chi gli è accanto.

Moltissime persone sono affette da roncopatia, un disturbo respiratorio del sonno che provoca sia il russamento che le apnee respiratorie. È un problema che molto spesso si sottovaluta e si trascura, senza considerare che sulla lunga distanza può riservare complicazioni a livello cardiocircolatorio.
Il riposo è fondamentale per ogni individuo ed è alla base di una vita serena ed energica. Rinunciare a dormire e a riposare vuol dire inevitabilmente, accumulare stanchezza e stress che prima o poi ci presenteranno il loro conto salato. L'assenza di riposo infatti incide sui nostri tempi di reazione, sulla nostra attenzione, sulla nostra capacità di concentrarci e di svolgere le comuni attività di ogni giorno, facendo crescere in noi irritabilità, spossatezza e malumore, fattori che determinano spesso conflitti e situazioni di forte tensione.

Come accennato all'inizio di questo articolo, tutto ciò si riflette negativamente in modo automatico anche sulla vita relazionale di coppia, perché laddove il nostro partner non dorme a causa del nostro russare, accumula nervosismo ed astio nei nostri confronti.

Ne deriva che occorre indispensabilmente mettere in atto qualunque strategia medica per stroncare il problema, per salvaguardare oltre che la propria salute anche i propri rapporti personali.


PER QUALE MOTIVO RUSSIAMO?


Chi russa lo fa perché l'aria che ingloba in fase di ispirazione incontra difficoltà nel passaggio a causa del restringimento parziale delle prime vie aeree.
Quando questo restringimento è completo si verifica un’apnea che molto spesso segue e accompagna il russamento.

Il disturbo è dunque legato all'attività delle vie aeree 
che si trovano dietro la gola, nel tratto oro-faringeo, le quali nel restringersi, non riuscendo a defluire liberamente, fanno vibrare i tessuti molli causando questo sgradevolissimo fastidio.

VIE AEREE COINVOLTE NEL RUSSAMENTO


LE APNEE NOTTURNE


Russare animatamente nel cuore della notte è già gravoso per noi e per chi ci dorme accanto, se a tutto questo aggiungiamo che non è l'unica difficoltà respiratoria che può affliggerci, la situazione si presenta più seria di quel che immaginiamo.
Oltre a russare infatti, accade frequentemente che sopraggiungano le apnee notturne, ovvero brevi e frequenti intervalli di tempo, durante i quali la respirazione si interrompe facendoci bruscamente risvegliare e spezzando la continuità del nostro sonno.


Così come risulta importante avviare una valutazione del nostro russamento, non dobbiamo mai trascurare le apnee, poiché possono dare origine a serie complicanze cardiovascolari.

Non è dunque solo una questione di accumulo di stanchezza, d'irritabilità e di stress, ma a lungo andare un soggetto affetto da roncopatia può incorrere in problemi decisamente più gravi come ipertensione, fibrillazione atriale, insufficienza cardiaca ed ictus.

Consultare un centro del sonno specializzato, rappresenta uno step fondamentale per avviare un processo di guarigione.

IL NOSTRO RIPOSO È MESSO IN PERICOLO DAL RUSSAMENTO E DALLE APNEE NOTTURNE.


COSA POSSIAMO FARE PER NON RUSSARE?


Qualora gli episodi di russamento siano occasionali e comunque non frequenti, adottare alcune semplici strategie potrà aiutarci a tenere sotto controllo il problema e a preservare il riposo del nostro partner. Tra i vari suggerimenti utili ritroviamo:


  • seguire un stile di vita sano
  • svolgere regolarmente attività fisica
  • tenere sotto controllo il peso corporeo
  • avere orari regolari di riposo
  • evitare di bere alcolici prima di andare a dormire
  • evitare di assumere sostanze eccitanti prima di andare a dormire
  • evitare pasti abbondanti di sera
  • utilizzare sonniferi, antistaminici e tranquillanti solo se consigliati
  • dormire sul fianco

BITE NOTTURNO ANTI-RUSSAMENTO

UNA SOLUZIONE EFFICACE: IL BITE


Non bisogna scoraggiarsi né rassegnarsi a convivere con questo problema, consapevoli che si possono percorrere varie strade per eliminare il disturbo. Si tratterà di sottoporre ad uno specialista un'analisi di tutte le caratteristiche specifiche del problema, così da poter ricevere da lui le giuste indicazioni sul tipo d'intervento da attuare.

Se gli esami accertano che ci si trova dinnanzi ad un caso di semplice russamento, una pratica ed efficace soluzione è rappresentata dal'utilizzo di un bite notturno.

Questo dispositivo, realizzato dai tecnici preposti alla sua fabbricazione, è costituito da due parti collegate che hanno il compito di conservare l'apertura dello spazio respiratorio retro-linguale, per agevolare il passaggio dell'aria e ridurre le vibrazioni dei tessuti molli.

Quando si ricorre a questo tipo di bite, durante la prima fase, accade sovente che al risveglio si percepisca una certa tensione muscolare, destinata però a svanire in breve tempo.

Uniche limitazioni nell'utilizzo del bite, sono rappresentate dalla mobilità dentale (parodontite), dalle malattie gengivali e dall'assenza di uno o più denti.

È giusto ribadire che il bite a cui ci riferiamo è efficace solo se il paziente incorre in episodi di semplice russamento anche se accompagnato da apnee nottune, poiché qualora ci sia una causa organica come la deviazione del setto nasale, l’ipertrofia dei turbinati o la presenza di polipi nasali, questo rimedio non è indicato e soprattutto non risulterebbe risolutivo.





PER MAGGIORI INFORMAZIONI

CONTATTACI


STUDIO BUDA, SORRIDI CON NOI! 😃

CONVERSATION