Sedazione Cosciente


Quando in medicina si parla di sedazione o analgesia, ci si riferisce alla tecnica in grado di mantenere il paziente in uno stato di incoscienza apparente: il soggetto infatti non avverte il dolore provocato dalle procedure operatorie, ma è comunque in grado di collaborare alla buona riuscita dell’intervento seguendo i consigli del medico.
Da qui il nome di “sedazione cosciente”.

La sedazione cosciente riesce dunque a ridurre notevolmente la percezione del dolore durante un intervento odontoiatrico, senza la necessità di addormentare il paziente: per questo risulta essere la migliore soluzione per eliminare totalmente l’ansia da dentista, quella paura immotivata che è la causa primaria di stress e palpitazioni non sempre giustificate.

Si pensi per esempio ai bambini, che risultano molto spaventati dalla figura del dentista, e manifestano  ansia e stress "invalidanti", soprattutto per chi è chiamato ad intervenire su tali pazienti:  quante volte come genitori ci siamo sentiti colpevoli, nel portare nostro figlio dal dentista (ed è per il suo bene!!)?

Metodologie di Somministrazione dell’Anestesia

Esistono due diversi tipi di somministrazione per quanto riguarda la sedo-analgesia: il primo è di tipo inalatorio, mediante l’uso di una mascherina e di un erogatore di una mistura di protossido di azoto e ossigeno.
L’altro è di tipo iniettivo-endovenoso: in quest’ultimo caso il medico può usare una combinazione  di farmaci sedativi, come le benzodiazepine, in aggiunta ad uno dei tanti analgesici in commercio.
Le benzodiazepine hanno un effetto immediato di tipo amnesico, in grado di eliminare la paura del dolore, mentre l’analgesico produce uno stato di leggera euforia.
L'effetto sedativo è più esteso, ha riflessi sistemici sull'organismo, e deve pertanto essere monitorato continuamente dal personale medico. 
Questa procedura ha importanti risvolti sulla psiche del paziente: la vista di aghi, siringhe, la difficoltà a reperire un accesso venoso, etc. possono stressare ulteriormente il soggetto, creando ansie aggiuntive. E questo è ancor più vero per quanto concerne i bambini, che difficilmente amano siringhe ed aghi in genere.

Un notevole passo avanti è dato dall'adozione di un protocollo di sedazione con l'utilizzo del protossido d'azoto, che miscelato con l'ossigeno è in grado di rilassare completamente il paziente, senza che sia necessaria una sedazione più profonda e maggiormente invasiva.
L’azione maggiore di questo tipo di sedazione per inalazione è esercitata sulla percezione del paziente, che non avverte alcun dolore, restando in uno stato pacifico di rilassamento muscolare e mentale.

Lo Studio Buda adotta la sedazione con protossido d'azoto come metodologia principale per evitare la paura del dentista: adatta a tutti, principalmente consigliata per i bambini, la sedazione con protossido è un metodo sicuro ed efficace per eliminare definitivamente la paura e lo stress da seduta odontoiatrica.

CONVERSATION